STIPENDI DOCENTI : ecco cosa rimane dopo tasse e contributi

Stipendi docenti : “Ecco cosa rimane dopo tasse e contributi”

Il 23 gennaio sarà il giorno del pagamento degli stipendi per il personale della scuola. Dal pomeriggio del 19 gennaio, gli operatori scolastici hanno potuto visionare il proprio cedolino nella pagina personale di NoiPa.

Tra sabato e domenica, La Tecnica della Scuola ha realizzato degli approfondimenti riguardo gli stipendi degli insegnanti.

Stipendi docenti, ecco quanto è il guadagno netto mensile. Tutti i dati

Docenti italiani in cattedra meno che in altri paesi Ue, ma con stipendi molto bassi. I numeri

Un lettore del nostro sito, Giancarlo Memmo, ha inviato alla nostra casella di posta elettronica, il suo cedolino e ci racconta la sua storia.

 Il docente insegna in un scuola superiore con una fascia di anzianità tra i 15 e 20 anni: lo stipendio lordo è di 2.415 euro con 1.690 euro di paga netta.

Il docente sottolinea, nella sua riflessione, che ci siano più di 700 euro di trattenuta. “Oltre all’aliquota IRPEF corrispondente, diciamo il 38%, dobbiamo aggiungere l’addizionale regionale e quella comunale. Nel cedolino del mese di gennaio queste due voci sono a zero, poi, da febbraio come tutti gli anni, verranno inseriti gli “acconti” fiscali per gli enti locali, per correttezza andrebbero aggiunti all’aliquota IRPEF”.

“Ma non basta – sottolinea il lettore – ci sono anche altre voci di trattenute o tasse (le trattenute previdenziali): opera di previdenza, Inpdap e Fondo credito. Infine ci sono le ritenute sindacali per circa 12 euro al mese (iscrizione sindacale facoltativa, tuttavia direi “necessaria” anche solo per presentare il 730). Quindi il rapporto tra netto e lordo, evidenzia un’aliquota marginale complessiva che può arrivare, anche per stipendi modesti, al 42% tenendo conto dell’imposizione fiscale degli enti locali. Stiamo parlando di “lavoro dipendente pubblico” non di imprese”.

Arriviamo alla questione del bonus merito. Nel caso considerato il “merito” è quantificabile in 458,60 euri lordi corrisposti in un’unica soluzione, cioè una tantum.

“Il bonus merito è quantificato, nel caso in questione, oltre ad essere stato pagato in ritardo, per le oltre 150 ore di aggiornamento certificato; intervento e organizzazione convegno di educazione finanziaria; coordinatore di classe; funzione strumentale; membro del consiglio di istituto, della giunta esecutiva e segretario verbalizzatore; altre attività”, aggiunge Memmo.

“Tutto questo è annualmente pari a circa 280 euro netti e, non va dimenticato – l’anno 2013, non conta ai fini della progressione di carriera e degli scatti di anzianità, un’altra sorta di “tassa occulta” che i docenti pagano”.

“Non vi è dubbio che la classe docente italiana ha tenuto fino ad ora il Paese nell’alveolo della civiltà e si è sobbarcata, insieme alle famiglie, i costi del tentativo di allineamento del sistema economico Italia alla Germania”.

“Il resto – conclude Memmo – è propaganda e la lasciamo ai partiti politici, almeno a quelli che rimarranno dopo le elezioni politiche delle (quasi) idi di marzo, dove voterà anche la Scuola che porta i segni della 107 e del trattamento ricevuto dai dispensatori di elemosine”.



Condividi!

Facebook