Faq Concorso docenti


A cura di Antonietta Toraldo pubblicato dal sito http://www.gildanapoli.it/?p=9607

Come e quando si presentano le domande?
Le domande si presentano a partire dalle ore 23,59 del 20 febbraio 2018
alle 23,59 del 22 marzo 2018 attraverso il sistema delle istanze on line.
I candidati possono concorrere per più classi di concorso o tipologia di
posto presentando un’unica istanza.

Quali sono i requisiti per partecipare al concorso?
Possono partecipare tutti i docenti che sono in possesso di abilitazione
conseguita entro il 31 maggio 2017 per la classe di concorso che
richiedono.

Sono previsti limiti di età?
Non ci sono limiti di età per partecipare al concorso.
Quali sono i requisiti per chi vuole partecipare per i posti di sostegno?
Per chi intende partecipare per i posti di sostegno il requisito richiesto è
oltre all’abilitazione per una classe di concorso anche la specializzazione.
Chi sta frequentando il corso di specializzazione per il sostegno può
partecipare con riserva a condizione che il titolo venga conseguito entro il
30 giugno 2018.

Quali requisiti devono possedere gli ITP per partecipare al concorso?
Gli ITP devono essere inclusi nelle GAE o nelle GI di II fascia alla data del
31 maggio 2017.
Cosa deve fare chi ha conseguito l’abilitazione all’estero?
I docenti in possesso di abilitazione conseguita all’estero (entro il 31
maggio 2017) devono aver chiesto il riconoscimento di tale abilitazione
alla data di scadenza del bando e possono presentare domanda con
riserva.

A quali classi di concorso fa riferimento il bando?
Il concorso fa riferimento alle nuove classi di concorso. Le abilitazioni
precedenti confluiscono nelle nuove classi di concorso. A tal proposito
conviene consultare la tabella di confluenza tra le nuove e vecchie classi
di concorso.

Quali sono le dichiarazioni da fare nella domanda?
– Possesso dell’abilitazione e/o della specializzazione su sostegno;
– Requisiti generali di partecipazione (cittadinanza, idoneità fisica,
condanne penali ecc.);
– Conoscenza della lingua straniera che sarà oggetto di valutazione
nella prova orale;
– Titoli e servizi valutabili posseduti alla data di scadenza.

Qual è il punteggio previsto per i titoli posseduti?
Per i titoli è previsto un punteggio complessivo massimo di 60 punti così
suddivisi:
– 34 max per il titolo di accesso;
– 25 max per altri titoli culturali e professionali;
– 30 max per i servizi d’insegnamento;
– 9 max per le pubblicazioni.
A tal proposito si consulti la tabella di valutazione allegata al DM 995/17

E’ previsto il pagamento di una tassa?
Sì, per partecipare al concorso bisogna dichiarare all’atto della domanda
di aver effettuato un bonifico di € 5,00 sul conto corrente bancario
intestato a:
Sezione di tesoreria 348 Roma succursale
IBAN: IT79B0100003245348013240701
Causale: «regione – classe di concorso/posto di sostegno – nome e
cognome – codice fiscale del candidato»
Si effettua un bonifico per ciascuna classe di concorso richiesta.

E’ possibile presentare domanda in più regioni?
No, la domanda va presentata in una sola regione anche se si concorre
per più classi di concorso.

I docenti con contratto a tempo indeterminato possono partecipare al
concorso?

Sì, il bando ha accolto la sentenza della Corte Costituzionale. I docenti con
contratto a tempo indeterminato possono partecipare al concorso purché
posseggano l’abilitazione per la classe di concorso richiesta e/o la
specializzazione per il sostegno per i relativi posti.

I docenti di ruolo possono concorrere anche per la Classe di concorso
per la quale sono già stati assunti?

Il bando non pone alcun divieto specifico a riguardo, pertanto, si desume
che possano farlo per cambiare regione.

Ai docenti di ruolo sarà valutato il servizio prestato con contratto a
tempo indeterminato?

La tabella di valutazione prevede solo la valutazione dei titoli di servizio
con contratto a tempo determinato.
I docenti di ruolo dovranno frequentare anch’essi il terzo anno del FIT ?
Sì, in quanto previsto dalla procedura concorsuale. Contrariamente agli
altri docenti che all’atto dell’ ammissione al percorso verranno cancellati
da tutte le graduatorie, i docenti di ruolo non rischieranno nulla circa il
loro ruolo in caso di esito negativo dell’anno di FIT .



Condividi!

Facebook