In arrivo la mappatura satellitare degli edifici scolastici


Il ministro dell’istruzione Marco Bassetti ha annunciato la prossima mappatura di “quasi 40.000 edifici” che “saranno ‘fotografati’ attraverso il sistema COSMO-Skymed, che è in grado di misurare lo spostamento degli immobili al decimo di millimetro”. Ha aggiunto poi che “le informazioni che otterremo dai satelliti ASI saranno trasmesse al CNR che ha le risorse umane e strumentali per elaborarle e darci un quadro dettagliato dei nostri edifici scolastici. Potremo così far partire verifiche e segnalazioni. Accelerando i tempi dei controlli e dei conseguenti interventi di adeguamento. In un mese e mezzo avremo già i primissimi dati”.

In tema di edilizia scolastica si vuole arrivare anche ad avere procedure più veloci, e la prima iniziativa in questo campo è stata il decreto “Ministeri”, che ha eliminato il concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) per la programmazione degli interventi. Secondo il Ministro Bussetti, per gli interventi di edilizia scolastica sarebbero disponibili 7 miliardi di euro.

La mappatura satellitare degli edifici scolastici è positiva ma non bisogna pensare che possa rappresentare una panacea, perché molti problemi strutturali potrebbero non essere evidenziati dalle foto satellitari.



Condividi!

Facebook