Concorsi docenti, entro l’anno due bandi. Bussetti dice addio al Fit


Durante un videoforum su “La Repubblica”, il ministro dell’istruzione Bussetti ha fornito diverse informazioni sul tema dei concorsi. Prima di tutto avrebbe l’intenzione di superare il Fit – vedremo per cosa. L’idea principale del ministro è quello di abbandonare le procedure riservate per aprire i concorsi a tutti “di norma ogni due anni”.

Per la scuola primaria e dell’infanzia dovrebbero arrivare due bandi entro l’anno, relativi al concorso straordinario per diplomati e laureati in scienze della formazione primaria – che dovrebbe portare all’assuzione di 12.000 maestre/i – e ad un concorso ordinario che fino a poco tempo fa si pensava dovesse arrivare dopo la procedura straordinaria.

Potranno partecipare al concorso straordinario i laureati in scienze della formazione primaria e i diplomati delle magistrali che hanno ottenuto il loro titolo entro l’anno scolastico 2001/2002, e che abbiano insegnato almeno due anni negli ultimi otto presso scuole statali. Potranno partecipare al concorso per il sostegno chi ha i requisiti sopracitati ed in più il titolo di specializzazione – può anche essere conseguito all’estero e riconosciuto in Italia.

Per quanto riguarda i 24 CFU, il ministro ha lasciato intendere che verrà valutato come titolo aggiuntivo per il concorso ordinario – ma senza dichiarazione chiare in tal senso, il futuro potrebbe rivelare delle sorprese.

 



Condividi!

Facebook