Reclutamento insegnanti, niente Fit basterà la laurea per diventare prof

Come verranno scelti gli insegnanti dal governo Conte? Per ora siamo solo a livello di annunci, ma dopo solo un anno di vita, il Fit – è l’acronimo di formazione iniziale e tirocinio – dovrebbe essere cancellato. “L’unica strada d’accesso” dovrebbero essere i concorsi fatti “in base ai posti vacanti e disponibili”, oltre a “vincoli di permanenza per un certo numero di anni”. Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti lo ha annunciato su “Italia Oggi”, spiegando anche che pensa ad “una formazione già durante gli anni universitari”, “per far sì che si possa andare in cattedra a 26 anni, non a 30 o 40. Con un concorso bandito regolarmente sarà possibile accedere all’insegnamento subito dopo la laurea, senza percorsi di studio ulteriori”.

Entro un anno dovrebbe arrivare un concorso per giovani laureati. E il ministro ha spiegato anche che “la mancanza di insegnanti per alcune discipline dimostra che sul reclutamento dobbiamo cambiare rotta. Immediatamente. Non abbiamo bisogno di continuare a costruire sacche di precariato. Dobbiamo avere il quadro chiaro delle necessità delle scuole di tutto il Paese e bandire concorsi sulla base di quelle”. Dichiarazioni simili a quelle di suoi predecessori, vedremo quali saranno i risultati.



Condividi!

Facebook