Flat tax scuola : per le ripetizioni private 15%

 

 

Nella nuova bozza della legge di Bilancio  2019 c’è  un’imposta al 15 %  sul ricavato delle lezioni private :

dal primo gennaio 2019 ” i dipendenti pubblici che svolgono attività di insegnamento a titolo privato ( ferme restando le norme di incompatibilità, il cumulo di impieghi e incarichi in base all’art, 53 del D.Lgs:30.03.2001 n, 165 ) comunicano alla propria amministrazione di appartenenza l’esercizio di attività extraprofessionale didattica ai fini della verifica  di eventuali incompatibilità . L’imposta andrà versata entro il termine stabilito per il versamento dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Per la liquidazione ,l’accertamento, la riscossione, i rimborsi, le sanzioni, gli interessi ed il contenzioso ad essa relativi si applicano le disposizioni previste per le imposte sui redditi.

Se un docente  arrotonda con il lavoro pomeridiano per 400 euro al mese, ne dovrà versare 60 al fisco come imposta, alla quale si dovranno aggiungere i contributi Inps e Inail, naturalmente.

Si punta con questo provvedimento all’emersione del nero , ma molte sono le perplessità sulla riuscita della manovra ( già nel 2012 con i voucher per le prestazioni occasionali venne registrato un fallimento ) visto che non c’è nessun vantaggio fiscale per le famiglie degli studenti .



Condividi!

Facebook