Consiglio di Stato: non si può bocciare in prima media

Il Consiglio di Stato ha annullato la non promozione , per diverse insufficienze , di uno studente di prima media di Scandiano , in provincia di Reggio Emilia , che potrà , così, accedere alla seconda classe di questo ciclo : sono necessari periodi più ampi, nel passaggio dalla primaria alla media per poter esprimere fondatamente un giudizio sullo studente .

La “pratica” era  stata caratterizzata già da una cancellazione a seguito di ricorso,  a sua volta ,  annullato , alla fine di agosto , da una decisione del Tar. Questo ha indotto i genitori del ragazzo a rivolgersi al Consiglio di Stato  che ha ribaltato la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale .

Il massimo organo di giustizia amministrativa ha sostenuto che il profitto va valutato su base biennale e non solo tenendo conto dei giudizi del primo anno.

La conseguenza non riguarda solo l’ammissione alla seconda media , ma anche la condanna per l’istituto a pagare le spese processuali ( 1.700 euro ) .



Condividi!

Facebook