Legge di Bilancio, cosa prevede per la scuola

Per arrivare all’approvazione definitiva della legge di Bilancio manca ancora un passaggio alla Camera dei Deputati. A palazzo Montecitorio comunque non ci saranno modifiche nella manovra, per cui possiamo disegnare un quadro delle misure che riguardano la scuola nella legge di Bilancio.

La manovra contiene la “riforma” dell’alternanza scuola lavoro che con il nuovo governo diventerà “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”. D’ora in poi i professionali non dovranno più fare 400 ore di alternanza ma 210, che scenderanno a 150 ore per i tecnici e 90 per i licei. La legge di Bilancio prevede anche che entro due mesi il Miur definisca con un decreto il quadro dei “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”.

Confermati i 2.000 posti per il tempo pieno nella scuola primaria – per rendere operativa la misura è previsto entro 60 giorni un decreto -, e i 400 posti in più per i licei musicali. Verranno assunti come ATA – entro il 2020 – 12.000 operatori che lavoravano per imprese di pulizie ed erano impegnati in appalti nelle scuole.

Sparisce infine il Fit triennale – le assunzioni avverranno esclusivamente con le graduatorie di merito che usciranno da concorsi abilitanti.



Condividi!

Facebook