Docenti precari, secondo Pittoni il Miur starebbe approfondendo la questione

La legge di bilancio prevede che i docenti precari – intendendo con questo termine chi ha tre anni di servizio nel corso degli ultimi otto – dovranno partecipare, se vorranno ottenere un posto di ruolo, al concorso ordinario. Potranno partecipare al concorso senza conseguire i famigerati 24 Cfu (questo però vale solo per una delle classi di concorso per le quali si ha almeno un anno di servizio).

L’unico vantaggio effettivo rispetto agli altri partecipanti al concorso è rappresentato dal fatto che a loro verranno riservati il 10% dei posti. I precari (ovviamente) hanno fin da subito contestato questa presa di posizione, sostenendo in particolare che non si doveva arrivare all’abolizione del concorso riservato – come previsto dai precedenti governi.

Sul tema ritorniamo oggi, perché dobbiamo registrare, una delle tante prese di posizione del responsabile scuola della Lega, secondo il quale, non ci sarebbe ancora una decisione definitiva sui precari – sul punto bisogna ricordare che la senatrice del M5S Bianca Laura Granato la pensa diversamente.

Per ora, resta difficile credere che il governo gialloverde apra al concorso riservato – ma saremmo ben felici di sbagliarci.



Condividi!

Facebook