Immissione in ruolo, i criteri per la valutazione dell’anno di prova

I criteri per la valutazione del periodo di prova sono definiti nell’art. 4 del decreto ministeriale del 27 ottobre 2015. Il docente deve dimostrare:

  • il corretto possesso ed esercizio delle competenze culturali, disciplinari, didattiche e metodologiche, con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;
  • il corretto possesso ed esercizio delle competenze relazionali, organizzative e gestionali;
  • l’osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione docente;
  • la partecipazione alle attività formative e il raggiungimento degli obiettivi previsti dalle stesse.

La valutazione conclusiva del periodo di formazione e prova viene rilasciata dal dirigente scolastico della scuola di servizio del docente nell’anno di prova ed è corredata da un giudizio – che nella stragrande maggioranza dei casi è favorevole, ma può essere anche sfavorevole.

Se è favorevole, il dirigente della scuola di servizio emana entro la fine di agosto dell’anno scolastico di riferimento il decreto di conferma in ruolo. Se il docente svolge invece l’anno di prova in una sede di servizio diversa da quella di titolarità giuridica, il dirigente della scuola in cui ha svolto effettivamente l’anno di prova deve trasmettere al dirigente della scuola di titolarità giuridica, il provvedimento di superamento (o meno) del periodo di prova con il verbale del comitato di valutazione. A quest’ultimo dirigente tocca emanare il decreto di conferma in ruolo o il rinvio all’anno successivo (dipende se il giudizio è favorevole o negativo).

La Legge n.107/2015 al comma 119 precisa: “In caso di valutazione negativa del periodo di formazione e di prova, il personale docente ed educativo è sottoposto a un secondo periodo di formazione e di prova, non rinnovabile”. Questa possibilità, con l’intervento nell’ultima legge di bilancio, è garantito anche ai docenti che hanno avuto accesso al terzo anno di Fit.



Condividi!

Facebook