Economie MOF( Miglioramento offerta formativa ) 2017/2018 , incontro al MIUR del 2 Maggio 2019

 

Riunione interlocutoria, rinviata la sottoscrizione definitiva

delle ipotesi di CCNI  ( Contratto Collettivo Nazionale Integrativo )

 

venerdì 3 maggio 2019
Il giorno 2 maggio 2019, alle ore 10.30, si sono riunite presso il MIUR DG-Bilancio le delegazioni dell’Amministrazione e delle OOSS firmatarie per discutere il seguente odg: Ipotesi CCNI economie MOF a.s. 2017/2018; Ipotesi CCNI ( Contratto Collettivo Nazionale Integrativo ) a.s. 2017/2018 per gli scopi di cui all’art.86 del CCNL 29 novembre 2007.

Nella riunione, che è risultata interlocutoria, l’Amministrazione ha informato le OO.SS. sullo stato della certificazione delle ipotesi di CCNI sulle economie e sulle risorse dell’art. 86 *(CCNL 2007/2009) già siglate, ma che non hanno ancora terminato l’iter della certificazione per la firma definitiva ed ha illustrato i dati inviati alle OO.SS. sulle rilevazioni effettuate dal MIUR riguardo alla destinazione delle economie:

  • indennità di bilinguismo e trilinguismo (Friuli Venezia Giulia),
  • indennità di direzione del sostituto DSGA,
  • turni notturni e festivi svolti dagli educatori e dal personale ATA presso i Convitti e gli Educandati.

Il MIUR ha poi quantificato le economie MAECI ( Ministero Affari Esteri Cooperazione Internazionale ) degli anni scorsi che sommano in totale a euro 897.364,14 e che andranno inserite nel CCNI economie.

Le OOSS propongono di destinare ai fondi per le aree a rischio dei CPIA ( Centri Provinciali Istruzione Adulti ) e per incrementare il FIS ( Fondo Istituzione Scolastica ) delle scuole con  queste economie. Per questo è necessario disporre dei dati riguardanti i CPIA così da definire criteri che permettano la distribuzione delle risorse.

Allo stesso modo per quanto riguarda il CCNI sull’art. 86 (CCNL 2007/2009) le OO.SS. chiedono di avere dati precisi sul numero di coloro che hanno accesso a questi fondi per poter stabilire a livello nazionale i criteri di assegnazione delle risorse, così da garantire parità di trattamento su tutto il territorio nazionale.

Un chiarimento è stato inoltre chiesto dalle OO.SS. sulle somme già contrattate dell’art. 86 * per gli anni scorsi e che non sono ancora state erogate ai docenti e al personale. L’Amministrazione ha ribadito che senza la contrattazione regionale non è possibile erogare tali somme, quindi è indispensabile che i CIR siano inviati al MIUR che provvederà ad erogare i fondi.

In attesa dei nuovi dati che l’Amministrazione fornirà alle OO.SS. si rinvia la sottoscrizione dei CNI alla prossima riunione.

A margine dell’incontro è stato chiesto dalle OO.SS. a che punto è la riassegnazione alle scuole dei fondi prelevati a fine anno 2018, lamentando il forte ritardo che mette in difficoltà le istituzioni scolastiche per la retribuzione delle attività previste dal FMOF. L’Amministrazione ha comunicato che non è in grado di fare previsioni perché l’iter per la riassegnazione di questi fondi non è ancora concluso.

*ART.86 – COMPENSI ACCESSORI PER IL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO EX IRRE e MPI

1. Per l’erogazione di compensi per il trattamento accessorio da corrispondere al personale docente, educativo ed ATA in servizio presso gli ex IRRE e comandato nell’Amministrazione centrale e periferica del MPI, in base alle vigenti disposizioni, nonché al personale con incarico di supervisione nelle attività di tirocinio sono corrisposti compensi accessori nelle misure e secondo le modalità definite nel CCNI del 18.2.2003. 2. Al finanziamento dei compensi di cui al comma 1 sono destinate il 50% delle risorse di cui all’art.18, ultimo periodo, del CCNL del 15 marzo 2001. La restante quota del 50% alimenta le risorse complessive per il finanziamento del fondo dell’istituzione scolastica di cui all’art. 84 del presente CCNL. 76 3. Le risorse non utilizzate alla fine dell’esercizio finanziario alimentano le risorse complessive per il finanziamento del fondo dell’istituzione scolastica di cui all’art. 84 del presente CCNL. 



Condividi!

Facebook