Pas e concorso straordinario, di cosa si tratta

In attesa del decreto e del bando, ho deciso di riunire tutte le informazioni che abbiamo sul percorso abilitante (o Pas) dedicato ai precari e al concorso straordinario (una novità uscita fuori dall’accordo tra Miur e sindacati rappresentativi raggiunto ieri sera).

L’accesso ai Pas – che dovrebbe essere istituito a breve – dovrebbe riguardare una platea significativamente più ampia rispetto ai circa 50.000 precari (resta quindi da capire se saranno ammessi tutti assieme oppure verranno previste più tornate di percorsi abilitanti). La platea di soggetti interessati ai Pas saranno oltre ai precari della scuola pubblica con tre anni di servizio, anche a chi ha svolto servizio per tre anni nelle scuole paritarie, nei percorsi di formazione professionale – e con ogni probabilità anche ai dottori di ricerca ed agli insegnanti di ruolo.

Oltre al Pas ci sarà un concorso riservato ai precari della scuola statale con tre anni di servizio negli ultimi otto (varrà anche per l’anno in corso). Il concorso dovrebbe valutare i titoli – con preminenza al servizio (ma questa è una supposizione mia) -, una prova scritta computer based – direi un test (di nuovo ipotesi mia) – con punteggio minimo, e una prova orale non selettiva.

Per essere più chiari bisognerà aspettare – soprattutto per quanto riguarda il concorso straordinario – aspettare il decreto relativo. Arriverà “nei prossimi mesi” (sono le parole di Bussetti).



Condividi!

Facebook