Le cause di licenziamento: lo scarso rendimento (seconda parte)

Le cause di licenziamento: lo scarso rendimento (prima parte)

Ieri abbiamo iniziato a scrivere delle cause di licenziamento. Oggi ritorniamo sull’argomento per continuare il tema. La seconda causa di licenziamento è rappresentata dal mancato superamento dell’anno di prova. L’analisi dell’operato dei docenti viene in questo caso compiuto dal dirigente scolastico coadiuvato da un comitato di valutazione. Se un insegnante non supera l’anno di prova una prima volta, dispone di una seconda possibilità presso un altro istituto. Se non dovesse riuscire nemmeno al secondo tentativo, non potrebbe diventare un docente di ruolo.

L’ultima causa di licenziamento è rappresentata dai motivi disciplinari. I comportamenti che possono portare al licenziamento sono i seguenti:

  • condotte irregolari che portano a violazioni gravi degli obblighi imposti dal ruolo di docente (come non fare lezione, non correggere i compiti, non seguire il programma di insegnamento prestabilito…);
  • atti intenzionali volti a recare danno all’istituto, alla pubblica amministrazione, agli studenti o alle famiglie di questi ultimi;
  • utilizzo improprio di beni appartenenti all’istituto o del denaro amministrato e/o custodito in esso;
  • violazioni gravi e inadempienze a comandi e direttive connesse all’esercizio della professione;
  • richieste o riscossioni di denaro, o altri beni, in occasione di attività espletate a causa della funzione svolta;
  • abusi del potere derivato dal ruolo ricoperto.

La procedura di licenziamento prevede un iter che inizia con la sospensione dell’insegnante entro 48 ore da quando è stato sorpreso a commettere l’ultimo fatto contestato. Prevede il diritto al contraddittorio e la difesa del docente attraverso un’audizione e la presentazione di una memoria scritta. L’istruttoria può portare a due alternative: l’archiviazione del caso o il licenziamento del docente (e contro questo provvedimento si può ricorrere davanti al giudice del lavoro o il Tar).



Condividi!

Facebook